lunedì 12 settembre 2016

E' IL GRANDE MOMENTO... TRASLOCO!

Beh, in realtà non io personalmente: è il blog a trasolcare.

A novembre saranno 9 anni da quando è nato Live from Hamburg e per l'occasione ho deciso di regalare al blog una veste fatta un po' meglio, in modo un po' più professionale.

Adoro il sito nuovo e sono quindi immensamente felice di presentarvi il nuovo Live from Hamburg, che da questo momento trovate al seguente indirizzo:

(Dal momento che non verrete inoltrati al nuovo sito direttamente da qui, dovete aggiornare l'indirizzo nelle vostre preferenze per continuare a ricevere gli aggiornamenti)

VI ASPETTO DI LA' CON TANTE NOVITA'!!

lunedì 5 settembre 2016

Aggiornamenti random - grandi cose in arrivo

Ultimamente sono un po' assente qui sul blog, ma ho ottimi motivi: sto preparando grosse novità, di cui sono felicissima!

Ancora qualche giorno di pazienza e vi racconterò tutto. Non vedo l'ora!

Nel frattempo ecco qualche aggiornamento inutile:

Settimana scorsa piper-baby ha compiuto un anno e ha ricevuto un regalo semplicemente adorabile: questo mini mappamondo con una dedica che dice "to rule the world".


Nel fine settimana abbiamo fatto una festa con i nostri amici, cosa che mi ha dato finalmente la scusa perfetta per usare quelle cannucce vintage che vanno tanto ora.


E comunque avere ospiti ha sempre il risvolto molto positivo che si ricevono fiori - e sapete che adoro avere fiori in casa!


Recentemente ha compiuto un anno anche un'amichetta di piper-baby. Ma quanto è divertente comprare regali per le bimbe?!


E questo è tutto.
Voi che fate?

Buona settimana a tutti!


mercoledì 31 agosto 2016

366 giorni di me e di te


Era il 31 agosto del 2015. Erano circa le 3.30 del mattino quando una voce sconosciuta mi ha strappata a quello strano sonno artificiale e mi ha annunciato che c'eri tu, nato alle 3.23 mentre io, in anestesia totale, mi perdevo il momento (storia della mia vita).
Ti hanno messo sul mio petto mentre tentavo di togliermi dagli occhi quella nebbia lasciata dal sonno. Quando ti ho messo a fuoco, così minuscolo e pacifico, sconosciuto e familiare allo stesso tempo, ho pensato "è perfetto". Ho detto al tuo papà "è perfetto". Per me tu sei perfetto.

Non riesco a credere che sia già passato un anno da quando la mia vita è cambiata radicalmente. E non si tratta tanto di cambiamenti pratici: i veri cambiamenti sono quelli dell'anima. Fai un figlio e all'improvviso non sei più tu la persona più importante della tua vita. All'improvviso scopri il vero significato della parola amore e scopri di non aver mai saputo che si potesse amare così totalmente, fortemente, profondamente - anche se prima credevi di saperlo.

È stato un anno pazzesco, fatto di enormi gioie, paure, preoccupazioni, felicità totali e ansie viscerali. Un anno di mancanza di sonno, di abitudini in costante cambiamento e di progressi sorprendenti. Sì, è così veder nascere e crescere un piccolo essere umano: sorprendente. La tua meraviglia nello scoprire le tue mani e poi pian piano e sempre di più il mondo intorno a te, ha acceso la meraviglia anche in me.

E' stato stupendo, ma ci sono stati anche momenti duri. La mancanza di sonno e le ansie non sono cose facili con cui convivere. La cosa più difficile - da neomamma - è stata stare da sola con un neonato per diverse notti la settimana per mesi e mesi di seguito (tutto il mio rispetto va alle madri single). Ma tutto, TUTTO questo è spazzato via in un secondo dall'intensità della gioia che mi regala la tua presenza nella mia vita. E poi dici "mamma" e a me esplode il cuore.

L'unica cosa che posso fare per ripagarti di questa immensa felicità, è assicurarti che la mamma ci sarà sempre e farà del suo meglio per farti crescere e diventare una persona di valore.

Buon primo compleanno amore mio.

mercoledì 24 agosto 2016

Appunti di viaggio: un tramonto molto instagrammabile

Dopo alcuni indirizzi a Finlaborgo, continuo con i miei post con qualche suggerimento su cose da fare in vacanza a Finale Ligure e dintorni.
Una cosa secondo me assolutamente da non perdere è una passeggiata al tramonto su quel tratto di lungomare che porta da Finale Ligure a Varigotti (quindi non la passeggiata in paese).
Si passeggia direttamente sopra la spiaggia, alcuni tratti sono sopraelevati direttamente sull'acqua a ridosso delle scogliere, si è circondati da sabbia, mare, rocce, qualche castelletto a picco sull'acqua e il cielo che piano piano cambia colore.
Decisamente una delle mie cose preferite da fare.
Anche di giorno non è male, però il percorso è tutto sotto il sole senza un filo d'ombra, quindi decisamente sfidante. Io preferisco fare questa passeggiata la sera.
Di giorno, comunque, una visita a Varigotti è decisamente una buona idea, ne avevo parlato in questo post.

All'inizio di questo tratto di lungomare ci sono anche un paio di ristoranti notevoli, quindi un'ottima idea è quella di combinare passeggiata e cena, nell'ordine che preferite.
Il primo ristorante è quello dei bagni Punta Este, che è aperto anche di sera. L'ambiente è piuttosto semplice, essendo il ristorante di una spiaggia, ma si mangia davvero bene e non ha prezzi molto alti.
Il secondo è un ristorante super chic e costoso, situato nell'hotel di Lusso Punta Este. Non ci sono mai stata, ma pare si mangi benissimo, sia splendido e costi un rene.

In ogni caso anche solo la passeggiata vale la pena...










martedì 23 agosto 2016

Ultimi acquisti - saldi estate 2016

Quest'anno ai saldi estivi ho fatto davvero degli ottimi affari, sono molto soddisfatta


Summer sales 2016

Per i dettagli sui prodotti cliccare sul set.


lunedì 22 agosto 2016

Aggiornamenti random - ancora agosto

In questi giorni non sta succedendo nulla, sembra che tutto il mondo sia in vacanza. Mi sa che quasi tutto il mondo effettivamente è in vacanza o almeno lo è stato settimana scorsa. Ogni anno in questo periodo praticamente tutti quelli che conosco sono via e le timeline di tutti i miei social, si riempiono di foto di vacanze e io mi chiedo cosa mia sia venuto in mente di non prendere le ferie quando lo fanno tutti e passare agosto a soffrire d'invidia. Devo davvero fare uno sforzo di concentrazione per ricordarmi che io odio andare in vacanza in alta stagione, quando c'è tanta gente dappertutto, fa troppo caldo e i prezzi sono più alti. Fino a quando ne ho la possibilità preferisco fare le vacanze in periodi alternativi, perché la bassa stagione per me ha innumerevoli vantaggi. Non sarà sempre così: tra qualche anno piper-baby andrà a scuola e toccherà anche a noi doverci adeguare allo stesso calendario del 90% delle persone. Per ora, quindi, sono ben felice di poter sfruttare questa libertà, ma santo cielo se è faticoso vedere tutti in vacanza mentre tu indossi già le felpine e ad Amburgo piove un giorno sì e uno no! Per di più piper-baby sta mettendo i denti laterali e di notte non dorme, quindi non dormo nemmeno io e quindi al momento sono in uno stato semi-comatoso che mi fa vivere sembrando di stare dentro ad un acquario.
Comunque, tutto ciò per dire che gli aggiornamenti questa volta sono molto scarni:


- Il catalogo di Butlers, ho scoperto, è quasi più piacevole da sfogliare di quello di Ikea. Il problema di questi cataloghi è che mi fanno invariabilmente venire voglia di ridecorare casa da zero. Questa è una voglia che mi prende sempre un po' alla fine dell'estate, però forse dovrei darmi una calmata perché è ancora agosto (ne sono certa: sono tutti in vacanza).



mercoledì 17 agosto 2016

Hamburg Guide: shopping da The Fjord House


Ad Amburgo ci sono un sacco di negozi carini (soprattutto quelli non appartenenti alle solite grandi catene), tanto che è difficile scegliere il mio preferito.
The Fjord House rientra senz'ombra di dubbio nella mia top ten.
Innanzitutto è all'interno di una galleria di negozi in centro, sulla Poststraße, che si chiama Hanse Viertel e che è davvero molto carina. L'ingresso al negozio si trova nella "piazzetta" della galleria, quella con la cupola di vetro, il planisfero-fontana e il caffé carinissimo.

martedì 16 agosto 2016

Appunti di viaggio: passeggiata serale a Finalborgo

E' letteralmente mesi, se non anni, che ho in mente di fare una delle mie mini-guide di viaggio su Finale Ligure, visto che è uno dei posti che conosco meglio al mondo. Il problema è che, essendo un posto che conosco così bene, che frequento da quando sono nata, essendo praticamente la mia seconda casa, faccio molta fatica a smistare l'enorme mole di informazioni che ho nella testa e fare una scelta sensata su cosa pubblicare senza far venire fuori un post impossibilmente lungo e sovraffollato di indirizzi. Temo in realtà che non sia possibile ridurre tutto ad un post solo, non in questa vita almeno.
Dal momento che ultimamente mi sono arrivate diverse richieste riguardo a Finale, ho deciso di lasciar perdere l'impresa e semplicemente suddividere il tutto in diversi post concisi abbastanza da non essere confusionari.

Ho deciso di iniziare con alcuni dei miei indirizzi preferiti a Finalborgo, che è la parte più antica di Finale Ligure, quella più lontana dal mare.
Io personalmente adoro farci una passeggiata la sera, prendere un gelato in piazza ed entrare in alcuni deliziosi negozi. E poi una passeggiata nelle vie pittoresche è sempre molto piacevole.


lunedì 15 agosto 2016

Scene (e lezioni) da un fine settimana

Per questo fine settimana avevamo pianificato una domenica di relax totale, quindi ieri dopo una lenta e pigra colazione...


...avevo eletto questo a mio posto fisso per il resto della giornata:

venerdì 12 agosto 2016

Hamburg Guide: a cena da Stocks

Stocks è entrato subito nella mia lista dei ristoranti preferiti di sempre

Il quotidiano di Amburgo (Hamburger Abendblatt) pubblica regolarmente una lista dei ristoranti migliori della città che molto spesso ne include ben due che si trovano nella zona dove vivo.
Ho già parlato di The Lock diverse volte, perché ci andiamo relativamente spesso.
Recentemente però ci siamo finalmente decisi a provare anche l'altro - Stocks - dopo letteralmente anni in cui per pigrizia o contrattempi vari abbiamo rimandato.
Visto che recentemente piper-marito e io abbiamo raggiunto il nostro tredicesimo anniversario, abbiamo deciso di lasciare piper-baby con i nonni e festeggiare uscendo a cena.

Siamo andati a cena prestissimo, alle 19, perché ci spiaceva far stare i piper-suoceri fino a tardi. Io per un attimo mi sono chiesta se il ristorante sarebbe davvero stato già aperto a quell'ora, ma poi siamo arrivati e c'era gente che stava per andare via perché aveva finito di mangiare. La Germania non cessa mai di stupirmi.